Risposte all'associazione Chèi dal Pòz di Borgnano

Alla Vicepresidente della Provincia di Gorizia, assessore all'ambiente, dott.ssa Mara Černic - Per sapere, premesso che a seguito di una recente riunione promossa dall'assessore all'ambiente del Comune di Cormòns nella frazione di Borgnano per discutere sulla zona di Pecol dei Lupi, già sito oggetto di conferimento di rifiuti da decenni, è emersa a mezzo stampa, nei giorni seguenti alla riunione, la preoccupazione dei residenti sui livelli di inquinamento da metalli presente con valori altalenanti in particolare nel lotto zero del sito.

Nel succitato articolo viene chiamata in causa la Provincia di Gorizia sia quale ente invitato alla riunione assieme alla società che gestisce il sito sia come corresponsabile di un silenzio nei confronti della comunità di Borgnano sui valori anomali rilevati nel lotto già nel 2011.

Leggi tutto...

Ecco perchè UTI e fusioni sono indispensabili.

Intervengo nella discussione intrapresa da alcuni primi cittadini della destra Isonzo sulla istituzione delle Uti e sulle ipotesi di fusione tra Comuni per dare un mio personale punto di vista sulla questione.

Tutti i soggetti interessati sono consapevoli che le UTI non costituiscono il punto di arrivo ma un primo, importante, passo verso la semplificazione istituzionale; semplificare il quadro delle istituzioni non significa solo ridurne il numero, quanto piuttosto puntare ad una efficienza delle stesse cercando di raggiungere una dimensione sufficiente, se non ottimale, che permetta alle amministrazioni stesse di essere in grado di offrire nuovi servizi indispensabili e di dare risposte alle esigenze di professionalità irraggiungibili nel panorama dimensionale attuale degli enti locali. Faccio un esempio concreto per spiegarmi: nel Comune di Moraro, 760 abitanti, ha sede l'impianto di riciclaggio e compostaggio dei rifiuti di Isa Ambiente; questo impianto che serve l'intero bacino provinciale porta con sé tutta una serie di problematiche che ben conosciamo; sarebbe naturale che il Comune di Moraro avesse un ufficio ambiente proporzionalmente attrezzato e dimensionato ai problemi che deve affrontare ma è palese che le dimensioni ridotte del comune e, di conseguenza, del bilancio comunale non permettono una dotazione di personale e di professionalità che raggiunga almeno la sufficienza. Di esempi analoghi se ne possono trovare a centinaia, anche per Comuni decisamente più grandi; ecco perchè c'è bisogno di costruire soggetti dimensionalmente più importanti.

Leggi tutto...

Quali azioni intende intraprendere la Provincia per scongiurare incidenti sulla strada regionale 305var?

All'assessore  ai LLPP e all'assessore all'ambiente. Per sapere, premesso che la strada regionale 305var nel tratto che dalla rotonda di Mariano del Friuli, dopo il ponte di recente realizzazione, conduce a Gradisca d'Isonzo presenta per la quasi totalità ai suoi lati areee agricole delimitate da soli catarifrangenti; specifico che si tratta di un rettilineo di circa 1 km privo di pubblica illuminazione;

Leggi tutto...

Consiglio provinciale di Gorizia. Seduta del 21.12.2015 - Interrogazione a risposta orale.

A seguito della segnalazione di una cittadina, che ha prodotto anche un cospicua documentazione fotografica sulla situazione, informo l'assessore competente all'ambiente che in località Preval in comune di Mossa lungo il percorso turistico che costeggia il centro ippico in direzione Russiz di sotto, il Consorzio di Bonifica Isontino ha eseguito nelle settimane scorse lo sfalcio con mezzo meccanico (tarup) dei canneti e dell'erba presenti nei canali che costeggiano la via transitabile. La segnalazione riguarda il mancato asporto del materiale reciso sia sulle pareti dei fossati sia all'interno delle canalizzazioni stesse. Pur comprendendo che non è agevole l'asporto del suddetto materiale, è noto che erba e canne, lasciate in loco dopo lo sfalcio, nel loro processo di macerazione e decomposizione rilasciano anidride carbonica nelle acque dei canali causando problemi alla fauna (non solo ittica).  

Leggi tutto...

Relazione annuale sullo stato ambientale della provincia di Gorizia

La relazione annuale sullo stato ambientale della provincia di Gorizia, come si evince dalla dicitura adottata quest'anno incentrata sulla gestione delle funzioni spettanti in materia di rifiuti, riferita all'anno precedente (2014), è stata oggetto di discussione in commissione cui è seguito il periodo di deposito antecedente all'odierna approvazione consiliare.
Il cambiamento nel titolo è dovuto alla scelta di alleggerimento del lavoro nella redazione del documento degli uffici competenti, ai quali va il plauso per il lavoro svolto per la chiarezza nella redazione dell'elaborato; non per questo va dimenticata l'importanza degli altri fattori che concorrono alla salute del territorio provinciale, mi riferisco all'aqua, al suolo e all'aria. I dati per questi elementi fondamentali riferiti al 2014 sono risultati sostanzialmente invariati rispetto all'anno precedente o, comunque, non significativi ai fini degli obiettivi dello strumento di monitoraggio.

Leggi tutto...

Consiglieri provinciali

consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale
Diego
Bernardis
Marialuisa
Bevilacqua
Luca
Bigot
Dario
Furlan
Giorgio
Clama
Stefano
Cosma
Savio
Cumin
Fabio
Del Bello
consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale
Patrizia
Mauri
Gennaro
Falanga
Andrea
Ferletic
Elisabetta
Medeot
Mario
Lavrenčič
Mauro
Mazzoni
Giuseppe
Nicoli
Dario
Obizzi
consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale consigliere provinciale
Pierpaolo
Silli
Aljoša
Sosol
Sandro
Soranzio
Fabio
Russiani
Vesna
Tomsic
Simonetta
Vecchi
Alessandro
Zanella
Franco
Zotti